-10% sur votre 1ère commande avec le code : 1ERECOMMANDE

2 piante adattogene per superare meglio lo stress cronico

Lo stress è una parola grossa, in cui combiniamo diversi concetti senza comprenderne realmente i lati positivi e negativi. Per comprendere meglio le situazioni di esaurimento legate al sovraccarico mentale e/o fisico, è importante distinguere tra i diversi tipi di stress per capire il valore delle piante adattogene.

COSA RITENERE ?

    • Lo stress cronico può verificarsi in molti contesti: a scuola, al lavoro o all’interno del nucleo familiare. Le persone colpite non sono immediatamente consapevoli della situazione, nonostante alcuni segnali: affaticamento, stanchezza, deterioramento della qualità del sonno, nebbia mentale o crescenti difficoltà di concentrazione e di memoria.
    • Le piante adattogene sono piante che permettono all’organismo di migliorare la sua capacità di adattamento a tutti i tipi di stress. Possono aumentare o diminuire la temperatura corporea, la pressione sanguigna, stimolare o calmare il sistema nervoso, ormonale e immunitario.
    • Ashwagandha : Riduzione dello stress e dell’ansia, antidepressivo naturale, Migliora le capacità cognitive, Bilancia gli zuccheri nel sangue, abbassa il colesterolo
    • Rodiola : migliora le capacità mentali, la memoria, l’attenzione e l’apprendimento, Combattere la stanchezza, lo stress e la depressione, Migliora le prestazioni fisiche
    • Integratore alimentare consigliato: Sérénityform

Capire meglio lo stress

Lo stress è multiforme e multifattoriale. È il risultato di un evento o di un contesto. In situazioni di pericolo immediato, lo stress è una reazione perfettamente naturale, intimamente legata all’istinto di sopravvivenza; si chiama: stress acuto. Una cascata di reazioni chimiche all’interno dell’organismo permette al corpo di adattarsi e di aumentare le possibilità di sopravvivenza, come illustrato dal concetto di lotta o fuga. Oggi viviamo in una società controllata. Le nostre vite non sono più direttamente minacciate dall’attacco di animali selvatici o di altri esseri umani. La nuova minaccia si chiama stress cronico.

Le 3 fasi dello stress

Lo stress può essere suddiviso in tre fasi. A differenza dello stress acuto (fase di allerta), lo stress cronico dura nel tempo (settimane, mesi, persino anni) e sottopone l’organismo a uno stato di allerta permanente che deve affrontare. Questo stato porta a profondi disturbi fisiologici. La conseguente necessità di adattarsi richiede una notevole energia (fase di resistenza o Burn-In), esaurendo il corpo fino al punto di rottura (fase di esaurimento e poi Burn-out).

stress

Come si manifesta lo stress?

Lo stress cronico può verificarsi in molti contesti: a scuola, al lavoro o all’interno del nucleo familiare. Le persone colpite non sono immediatamente consapevoli della situazione, nonostante alcuni segnali: affaticamento, stanchezza, deterioramento della qualità del sonno, nebbia mentale o crescenti difficoltà di concentrazione e di memoria. Il primo riflesso comunemente usato per affrontare questo crollo è l’assunzione di stimolanti: caffè, tè nero, tabacco, bevande energetiche, cibi dolci (cioccolato, dolci, torte, ecc.). Un altro metodo più radicale è l’assunzione di farmaci: sonniferi, ansiolitici, ecc. Nella maggior parte dei casi, questo comporta un sovraffaticamento, un aumento di peso e, alla fine, un biglietto di sola andata verso il burn-out.

Cosa fare in caso di stress cronico

La prima cosa da fare in caso di stress cronico è fare una pausa al primo segnale. Una piccola vacanza per fare un passo indietro è essenziale per fare il punto della situazione ed evitare un crollo. Se la sua vita attuale non le permette di prendersi subito una vera e propria pausa, si prenda il tempo necessario per pensare a una strategia che le permetta di rialzare la testa e respirare.

Gli stimolanti comunemente usati (menzionati sopra) hanno la particolarità di dare una sensazione artificiale di energia, che si aggiunge alla stanchezza. Per illustrare questo punto, immagini un cavallo stanco che viene frustato vigorosamente.

Oltre a questi stimolanti che “spingono il cavallo in avanti a tutti i costi”, in natura esistono piante speciali che non agiscono come stimolanti, ma la cui azione si concentra sulla capacità del corpo di adattarsi allo stress. Queste piante particolari sono chiamate adattogeni.

Ecco le piante adattogene

Le piante adattogene sono piante che permettono all’organismo di migliorare la sua capacità di adattamento a tutti i tipi di stress. Possono aumentare o diminuire la temperatura corporea, la pressione sanguigna, stimolare o calmare il sistema nervoso, ormonale e immunitario.

In base a queste proprietà, le piante adattogene si distinguono dalle piante stimolanti (caffè, tè nero), dalle piante immunostimolanti (timo, echinacea) e dalle piante che calmano il sistema nervoso (valeriana, passiflora).

ashwagandha KSM-66

Alla fine degli anni ’60, Breckhman e Dardymov, ricercatori e medici russi, hanno definito tre criteri principali per le piante adattogene:
Per aumentare la resistenza dell’organismo a un’ampia gamma di fattori di stress fisici, chimici o biologici.
Moderare o prevenire gli squilibri derivanti dallo stress o secondari a una patologia.
Essere completamente innocuo e non creare alcun disturbo nel funzionamento del corpo.

Ashwagandha, Withania somnifera

L’Ashwagandha è una pianta tradizionale ayurvedica, conosciuta come il “ginseng indiano”. Nella medicina ayurvedica, appartiene alla classe delle piante “Rasayana”, i cui fitonutrienti sono noti per rallentare il processo di invecchiamento, aumentare l’energia mentale e fisica e, di conseguenza, promuovere la longevità. Le sue radici sono state utilizzate per migliaia di anni (circa 3.000 anni) per le loro numerose virtù.

La sua composizione: steroidi naturali (withanolidi), aminoacidi (compreso il triptofano), alcaloidi, antiossidanti (tannini, flavonoidi).

I suoi principali vantaggi

depressione
concentration
stress chronique

Riduzione dello stress e dell'ansia, antidepressivo naturale

Grazie all’elevato contenuto di withanolidi, steroidi naturali, l’Ashwagandha aumenta la resistenza allo stress, calma il corpo e gli permette di recuperare naturalmente la sua vitalità.

In una situazione di stress, il corpo secerne un ormone: il cortisolo. Più dura lo stress, più aumenta la sua secrezione fino al burn-out, quando diminuisce. Il suo aumento progressivo attraverso le diverse fasi dello stress porta a un certo numero di cambiamenti nell’organismo che rendono quasi impossibile perdere peso o a una diminuzione dell’efficienza del sistema immunitario.

L’Ashwagandha permette di ripristinare questo equilibrio, favorendo la regolazione del cortisolo e proteggendo il sistema nervoso. Pertanto, è consigliato in caso di disturbi del sonno, in quanto facilita un sonno ristoratore.

Infine, l’Ashwagandha potrebbe aiutare a combattere la depressione ed è un efficace ansiolitico naturale. Uno dei suoi composti, il triptofano, è un neurotrasmettitore della serotonina, chiamata anche ormone del benessere.

Migliora le capacità cognitive

La riduzione dello stress e dell’ansia si traduce in un miglioramento dell’attenzione e della memoria.

I tannini e i flavonoidi che contiene hanno un effetto antiossidante che protegge le cellule nervose e il cervello dai danni dei radicali liberi. Uno studio condotto dalla Croce Rossa Indiana e dal NSHM Knowledge Campus di Calcutta, dimostra che l’assunzione quotidiana di 300 mg di estratto di radice di Ashwagandha migliora significativamente la memoria, l’efficienza e l’attenzione.

Bilancia gli zuccheri nel sangue, abbassa il colesterolo

Il cortisolo secreto attiva gli enzimi nel fegato per produrre glucosio che, quando viene rilasciato nel flusso sanguigno, aumenta i livelli di zucchero nel sangue. L’azione antistress dell’Ashwagandha riduce il livello di cortisolo, che riequilibra il livello di zucchero nel sangue. Poiché i livelli di zucchero nel sangue sono collegati ai livelli di trigliceridi, l’Ashwagandha abbasserà anche i livelli di trigliceridi del corpo. Uno studio ha dimostrato che le persone che hanno ricevuto un’integrazione di Ashwagandha hanno ridotto i livelli di “colesterolo cattivo” e di trigliceridi.

La Rodiola, Rhodiola Rosea

La rodiola è una pianta fiorita verdastra originaria delle alte montagne della Siberia. Fu utilizzato dai Vichinghi e poi dai Russi a partire dagli anni ’60 per migliorare le prestazioni dei loro atleti e cosmonauti.

La sua composizione: derivati feniletanolici (salidroside rodioloside, p-tirosolo), fenilpropanoidi (rosavina, rosina, rosarine), flavonoidi (rodiolina, rodionina, rodiosina, acetilodalgina, tricina), monoterpeni (rosiridolo, rosaridina), tannini, triterpeni (steroli), acido fenolico. 

Contiene molecole proprie come: rosavina, rosina, rosarina salidroside, tirosolo, rodiolina.

I suoi principali vantaggi

La rodiola migliora le capacità mentali, la memoria, l’attenzione e l’apprendimento.

Si dice che i componenti naturali della radice attivino la produzione di quattro molecole:

  • noradrenalina
  • serotonina
  • dopamina
  • acetilcolina

Agiscono sulla corteccia cerebrale e aumentano l’attenzione, la memoria e le capacità intellettuali.

Impedisce la disgregazione della serotonina, della dopamina e della noradrenalina.

Secondo uno studio sovietico, aumenta i livelli di serotonina del 30% e riduce l’attività della COMT*, che scompone la dopamina e la serotonina, del 60%(1).

eliminer, boire, sport

Combattere la stanchezza, lo stress e la depressione

La rodiola rosea modula l’aumento del cortisolo durante lo stress.

Tra il 2000 e il 2003 è stato condotto uno studio clinico con un estratto standardizzato di Rhodiola su medici sovraccarichi di lavoro, studenti in periodo di esami e giovani volontari di sesso maschile sottoposti a situazioni di stress e affaticamento. Rispetto ai gruppi di controllo, i partecipanti hanno generalmente registrato un miglioramento significativo della loro condizione.

Migliora le prestazioni fisiche

Migliora la resistenza durante l’esercizio fisico e accelera il recupero muscolare. Protegge dalle conseguenze dell’esercizio fisico intenso e/o prolungato e normalizza la frequenza cardiaca dopo uno sforzo fisico intenso.

Come scegliere l'integratore alimentare antistress

L’Ashwaganda e la Rodiola sono due piante importanti in caso di stress cronico, per sostenere la capacità di adattamento dell’organismo dalla fase di resistenza.

Sono adatti agli studenti che si preparano agli esami, agli sportivi e a tutti coloro che sperimentano un sovraccarico mentale e/o fisico nella loro vita quotidiana.

Sono sicuri, naturali e non creano dipendenza.

Scegliere un buon magnesio

Può combinarli perfettamente con un integratore di magnesio, un minerale essenziale per l’organismo e di grande importanza in caso di stress. Per saperne di più sul magnesio, consulti il nostro articolo sull’argomento.
Può ottenere le piante adattogene brevettate di qualità biologica dal Laboratorio Inolab con il prodotto Sérénityform, un integratore alimentare 100% naturale e ben dosato, grazie alla scelta di utilizzare estratti vegetali titolati.
Nello stesso Laboratorio, può trovare il Magnesio assimilabile con Magform.

Questo Laboratorio sottolinea la naturalezza e la qualità dei suoi prodotti, che sono: senza glutine, senza FODMAP, senza lattosio, senza zucchero, senza sale, privi di additivi controversi e non necessari, e per la maggior parte vegani.

Quando si tratta di integratori alimentari, non trascuri la qualità. Un prezzo basso è spesso sinonimo di :

  • Presenza di materiali di qualità inferiore (quindi meno costosi, ma soprattutto meno efficaci)
  • Presenza di additivi controversi come il biossido di titanio, il biossido di silicio o lo stearato di magnesio, molto presenti nelle capsule.
  • Non biologico

Faccia attenzione anche agli integratori alimentari dall’aspetto divertente, come le caramelle gommose, che sono molto di moda, ma sono comunque dolci con zuccheri aggiunti e altri additivi sgradevoli.

Ora ha tutte le chiavi per fare la scelta giusta e ritrovare calma, energia e serenità.

complément alimentaire stress sommeil

Leggi altri articoli

OMEGA 3

Omega 3: un grasso buono?

Lo stress è una parola grossa, in cui combiniamo diversi concetti senza comprenderne realmente i lati positivi e negativi. Per comprendere meglio le situazioni di esaurimento legate al sovraccarico mentale e/o fisico, è importante distinguere tra i diversi tipi di stress per capire il valore delle piante adattogene.

Per saperne di più »
famille

5 MOTIVI PER INTEGRARE LE VITAMINE D3 E K2

Lo stress è una parola grossa, in cui combiniamo diversi concetti senza comprenderne realmente i lati positivi e negativi. Per comprendere meglio le situazioni di esaurimento legate al sovraccarico mentale e/o fisico, è importante distinguere tra i diversi tipi di stress per capire il valore delle piante adattogene.

Per saperne di più »
magnesio

Magnesio: 5 buoni motivi per integrarlo

Il magnesio è un minerale la cui importanza è sicuramente sottovalutata, dato che è assolutamente essenziale in oltre 300 reazioni biochimiche. Svolge un ruolo nella produzione di ATP (adenosina trifosfato, una molecola coinvolta nel meccanismo di produzione di energia). È un garante dell’omeostasi (l’equilibrio del corpo).

Per saperne di più »

Fonti

(1)*Catecol-O-metiltransferasi, uno degli enzimi che degradano le catecolamine e i catecoestrogeni.