-10% sur votre 1ère commande avec le code : 1ERECOMMANDE

5 motivi per integrare le vitamine D3 e K2

Non è necessario dimostrare oggi che il cibo non fornisce più tanti nutrienti come nel secolo scorso. Questo ovviamente ha ripercussioni sulla salute delle persone più vulnerabili, delle famiglie più povere e della popolazione in generale. Infatti, anche se mangia prodotti biologici ogni giorno e ha uno stile di vita sano, non c’è garanzia che abbia assimilato abbastanza nutrienti per garantire la sua salute a lungo termine. 

Per quanto riguarda la vitamina D3, l’ANSES ritiene che un francese su 10 sia carente. Per quanto riguarda la vitamina K2, a differenza dei neonati, è più raro che un adulto ne sia carente. Tuttavia, alcune malattie gastrointestinali possono causare una carenza di vitamina K2. Ecco perché l’integrazione con questi nutrienti è oggi comune e consigliata.

In questo articolo, ci concentreremo sui benefici dell’integrazione con le vitamine D3 e K2 e sui vantaggi della loro combinazione.

COSA RITENERE ?

    • L’integrazione contemporanea con le vitamine D3 e K2 è quindi consigliata, a condizione di scegliere un integratore alimentare di qualità e di continuare ad avere uno stile di vita sano e una dieta equilibrata. Scegliere la formulazione proposta dal laboratorio Inolab le garantisce un prodotto rilevante, di qualità superiore e rispettoso della sua salute!
    • La carenza di vitamina D è molto comune in Francia. Quasi l’80% della popolazione adulta è affetta da questo disturbo
    • La dose giornaliera raccomandata di vitamina K per un adulto è di 45 microgrammi. Questo sale a 70 microgrammi per le persone di età superiore ai 75 anni.

    • Quindi, la vitamina K2 agisce come una sorta d’ispettore che regola la circolazione del calcio e controlla il lavoro della vitamina D3. Questo dimostra che la vitamina D3 e la vitamina K2 sono strettamente correlate e devono agire in sinergia per promuovere il corretto funzionamento dell’organismo.

Innanzitutto, è importante chiarire cosa sono le vitamine D3 e K2. È molto più comune sentire parlare di vitamina D e K. È quindi legittimo chiedersi cosa siano esattamente.

Che cos'è la vitamina D3?

La vitamina D3 è chiamata anche colecalciferolo. È una vitamina liposolubile di origine animale. La vitamina D2, invece, è diversa perché è di origine vegetale. Si trova sotto il nome di “ergocalciferolo”. La vitamina D3 è la forma biodisponibile della vitamina D, quella che viene effettivamente assorbita dall’organismo. Queste due forme di vitamina D sono le più conosciute e più comunemente commercializzate come integratori alimentari, ma in realtà esistono 5 forme di vitamina D: D2, D3, D5, D6 e D7.

La vitamina D3 si trova principalmente nel pesce grasso (halibut, trota salmonata, trota arcobaleno, sgombro, salmone, ecc.), ma anche nell’olio di fegato di merluzzo. La dose giornaliera raccomandata di vitamina D è compresa tra 2 e 3 microgrammi al giorno. Tuttavia, questa cifra aumenta per gli anziani e i bambini da 1 a 3 anni.

La carenza di vitamina D è molto comune in Francia. Quasi l’80% della popolazione adulta è affetta da questo disturbo. Si manifesta con patologie muscolari e ossee. Le persone più a rischio di sviluppare una carenza sono i neonati, i bambini, le donne in gravidanza, i vegetariani, i vegani, le donne in post-menopausa e le persone con la pelle scura.

Che cos'è la vitamina K2?

La vitamina K2 è un membro della famiglia delle vitamine K che comprende :

* La vitamina K1 (fillochinone), che si trova nelle piante.

* La vitamina K2 (menachinone o menatetrenone) che viene sintetizzata dai batteri dell’intestino.

* La vitamina K3 (menadione) è una vitamina sintetica. Questo, a differenza dei due precedenti, è idrosolubile.

I batteri dell’intestino sono in grado di fornire circa il 70% della produzione di vitamina K2. Il restante 30% deve quindi essere fornito dalla dieta. Tuttavia, la vitamina K è molto sensibile all’ossidazione. Gli alimenti che lo contengono devono quindi essere consumati rapidamente o conservati in un luogo buio.

Le principali fonti di vitamina K2 sono i prodotti lattiero-caseari come l’edam o il latte intero, ma anche il tuorlo d’uovo crudo, il burro morbido o gli alimenti fermentati come il natto (ottenuto dai semi di soia) e i crauti.

La dose giornaliera raccomandata di vitamina K per un adulto è di 45 microgrammi. Questo sale a 70 microgrammi per le persone di età superiore ai 75 anni.

La carenza di vitamina K può manifestarsi con sanguinamenti comuni, emorragie, fratture ricorrenti o problemi dentali. Questo tipo di carenza è più comune nei neonati, nei bambini, negli anziani e nelle persone con osteoporosi o malassorbimento intestinale, oltre che nelle persone con una dieta squilibrata.

È quindi chiaro che una persona carente di vitamina D3 e K2 è più a rischio di sviluppare una serie di malattie, poiché i loro rispettivi ruoli sono essenziali per il corretto funzionamento dell’organismo. 

 

Perché la vitamina K2 e la vitamina D3 sono così importanti per l'organismo?

Ecco 5 motivi per assicurarsi di assumere sempre una quantità sufficiente di vitamina D3 e K2:

1. La vitamina D3 contribuisce al corretto funzionamento del sistema immunitario.

Ecco 5 motivi per assicurarsi di assumere sempre una quantità sufficiente di vitamina D3 e K2:

  1. La vitamina D3 contribuisce al corretto funzionamento del sistema immunitario.

La vitamina D3 svolge un ruolo importante nel mantenimento di un sistema immunitario forte. Partecipa all’attivazione di quest’ultimo. Secondo il dottor Christophe De Jaeger, la mancanza di vitamina D3 è “associata ad un aumento del rischio di infezioni virali, tra cui l’HIV e l’influenza“. [1]

Tuttavia, garantire un apporto sufficiente di vitamina D3 ci permette di beneficiare delle sue proprietà antivirali, antibatteriche e antinfiammatorie. Ecco perché l’integrazione di vitamina D3, soprattutto nei mesi invernali, può essere una scelta saggia e necessaria.

Inoltre, secondo il Dr. F. Vandangeon, farmacista ed editore, la vitamina D3 “riduce i sintomi delle malattie autoimmuni” [2]. Allevia anche i dolori alla colonna vertebrale e alle articolazioni. Infatti, secondo uno studio pubblicato nel numero di novembre 2013 di Clinical Orthopaedics and Related Research su 107 pazienti con osteoartrite, si è registrata una diminuzione significativa del dolore al ginocchio e alle articolazioni dopo l’integrazione di vitamina D3. Gli anziani sono quindi invitati ad assumere la vitamina D3 per mantenere la qualità delle loro articolazioni.

2. Le vitamine D3 e K2 proteggono dall'osteoporosi e garantiscono una buona qualità delle ossa.

La vitamina D3 è essenziale per una buona salute delle ossa. Aiuta a mantenere una buona mineralizzazione delle ossa, che è essenziale per il normale sviluppo dello scheletro. Infatti, secondo una nota quadro sull'”utilità clinica della misurazione della vitamina D” (prodotta dall’Autorità Nazionale Francese per la Salute), la vitamina D “svolge un ruolo importante nella crescita e nella mineralizzazione delle ossa” ed “è coinvolta nell’omeostasi del fosfocalcio“. Ciò significa che agisce anche sull’assorbimento di fosforo e calcio. Il calcio è il minerale più abbondante nelle ossa e nei denti. È quindi importante assicurarsi che i bambini abbiano un apporto sufficiente di vitamina D3 fin dalla nascita, altrimenti lo sviluppo dello scheletro e dei denti potrebbe essere disturbato.

La vitamina K2 è nota come ‘vitamina della massa ossea’. Più vitamina K2 è presente nel corpo, più le ossa saranno forti [3]; [4]. È stato anche osservato in Giappone, in una regione dove il natto, ricco di vitamina K2, è ampiamente consumato, che le donne subiscono pochissime fratture dell’anca nel corso della loro vita, a differenza delle altre donne giapponesi. Questo alto livello di vitamina K2 aumenta quindi la protezione contro possibili fratture. Inoltre, le fratture ricorrenti osservate nei bambini [5] e negli anziani [6] sono dovute principalmente a un deficit di vitamina K2 nell’organismo, da cui l’interesse a integrare questa categoria più fragile della popolazione.

3. Le vitamine D3 e K2 proteggono dai disturbi muscolari.

La vitamina D3 migliora la forma fisica generale. Promuove persino la resistenza e aumenta la velocità [7]. Infatti, secondo le conclusioni della dottoressa Paule Nathan, endocrinologa, diabetologa e nutrizionista, pubblicate sul sito web di medicina sportiva, “la vitamina D può migliorare le prestazioni sportive degli atleti con carenze e proteggere la loro salute generale“. Ecco perché è così popolare tra gli atleti di alto livello. Possono aumentare le loro prestazioni semplicemente aggiungendo la vitamina D3 alla loro dieta. Per le persone anziane, la vitamina D3 è particolarmente preziosa in quanto riduce l’affaticamento, riduce il rischio di cadute e aumenta la forza muscolare. Questo permette loro di continuare a crescere in modo indipendente.

La vitamina K2 aumenta la capacità dei muscoli di sopportare uno sforzo importante. Inoltre, riduce il tempo di recupero dell’organismo. Per esempio, 26 atleti di alto livello sono stati in grado di aumentare la loro frequenza cardiaca massima del 12% assumendo la vitamina K2. Questo studio, condotto per 2 mesi, ha mostrato anche una maggiore resistenza fisica allo sforzo e un aumento dell’energia [8].

La vitamina K2 aiuta anche a regolare i livelli di zucchero nel sangue [9]. Infatti, uno studio condotto su poco più di 38.000 adulti per 10 anni nei Paesi Bassi ha dimostrato che la vitamina K2 è protettiva contro il diabete di tipo 2. Un altro studio condotto su 45 persone per 3 mesi ha dimostrato che l’integrazione di vitamina K2 riduce i livelli di insulina a digiuno e regola la glicemia.

Infine, la vitamina K2 agisce anche sul peso, favorendo la perdita di grasso viscerale e addominale in particolare e facilitando così l’aumento della massa muscolare. L’integrazione quotidiana di vitamina K2 per 3 anni in oltre 200 donne in postmenopausa ha determinato una perdita di grasso addominale [10].

4. La vitamina K2 protegge dalle malattie cardiovascolari e dal diabete.

La vitamina K2 aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari perché garantisce l’equilibrio della coagulazione del sangue. Infatti, un’eccessiva coagulazione potrebbe causare l’intasamento delle arterie o addirittura un blocco. Uno studio condotto su 244 donne dai ricercatori dell’Università di Maastricht nei Paesi Bassi ha concluso che l’integrazione di vitamina K2 ha portato a una riduzione significativa della rigidità vascolare.

Al contrario, se manca la vitamina K2, quella che avrebbe dovuto essere una piccola emorragia potrebbe trasformarsi in un’emorragia a causa della mancanza di una vitamina adeguata per regolare il flusso sanguigno e gestire la coagulazione.

Inoltre, la vitamina K2 ha un effetto positivo sull’insulina [11]. Uno studio del 2011, condotto per 4 settimane, ha dimostrato che l’integrazione di vitamina K2 ha migliorato la sensibilità all’insulina in giovani adulti sani. Pertanto, è utile sia per la prevenzione del diabete sia quando una persona assume farmaci antidiabetici.

5. La sinergia delle vitamine D3 e K2 ottimizza l'assimilazione del calcio, preserva la calcificazione extracellulare e migliora la protezione del sistema cardiovascolare.

La vitamina D3 aiuta a fissare il calcio nelle ossa. La vitamina K2 ottimizza questa azione controllando la distribuzione del calcio in modo da fornire la giusta quantità alle ossa e a tutti gli altri tessuti del corpo. Questa regolazione è molto importante perché, sebbene la vitamina D3 fissi il calcio, non agisce sul livello di questo minerale, che può essere dannoso in dosi elevate. Secondo Alfredo Valdés, ricercatore in fitopatologia metabolica, è quindi importante ‘garantire uno stato di vitamina K sufficiente, in modo che il calcio si depositi dove ci interessa e non altrove‘.

Il suo ruolo è più che essenziale, dal momento che è soprattutto in grado di chelare il calcio. Infatti, una quantità eccessiva di calcio nel corpo può portare a determinate patologie e in particolare alla calcificazione dei vasi sanguigni. Quando questo minerale si trova in abbondanza nell’organismo, tende ad accumularsi nelle arterie, il che può causare problemi cardiaci. È stato dimostrato che le persone con una carenza di vitamina K presentano una calcificazione arteriosa significativamente maggiore rispetto alle persone senza carenza.

Quindi, la vitamina K2 agisce come una sorta d’ispettore che regola la circolazione del calcio e controlla il lavoro della vitamina D3. Questo dimostra che la vitamina D3 e la vitamina K2 sono strettamente correlate e devono agire in sinergia per promuovere il corretto funzionamento dell’organismo.

Infine, la vitamina K2 assunta contemporaneamente alla vitamina D3 consente un netto miglioramento dell’elasticità delle pareti arteriose e combatte la comparsa dell’osteoporosi. Questa condizione colpisce una donna su tre in postmenopausa. Assunte come misura preventiva, queste vitamine aiutano a preservare la qualità ossea di queste donne.

Una dieta sana ed equilibrata non è sufficiente a coprire il fabbisogno giornaliero raccomandato di vitamina K2 e D3?

Al giorno d’oggi, l’igiene di vita e la qualità nutrizionale del cibo sono costantemente messe in discussione a causa dell’inquinamento e della mancanza di attività fisica in particolare. Inoltre, c’è un aumento del numero di persone in sovrappeso. In quest’ultimo caso, la vitamina D è difficile da assimilare perché è legata ai grassi.

vitamine D3 K2

Questa mancanza di vitamina D colpisce quasi tutta la popolazione. Ecco perché i medici raccomandano comunemente l’integrazione di vitamina D3. Per quanto riguarda la vitamina K2, sebbene non sia molto diffusa nel nostro Paese, è comunque interessante perché completa l’azione della vitamina D3. Non c’è rischio di sovradosaggio perché la vitamina K2 non è tossica. Al contrario, un’assunzione superiore al livello raccomandato sarebbe addirittura benefica! Secondo il giornalista scientifico specializzato in nutrizione, Julien Venesson, “le vitamine K1 e K2 non sono tossiche se assunte per via orale, anche in dosi elevate. Non è stata quindi definita un’assunzione massima“. Ha anche detto che “l’assunzione di una quantità elevata di vitamina K2 MK-7, in particolare attraverso l’integrazione, potrebbe combattere la perdita ossea e limitare il rischio di fratture“. [4]

Per le persone con malassorbimento intestinale, è naturalmente molto difficile garantire l’assunzione giornaliera. Tuttavia, la formula DUOVIA D3+K2-MK7 https://www.amazon.fr/dp/B079T5B7Y2?ref=myi_title_dp offre una soluzione altamente assimilabile e rispettosa della salute, poiché i suoi integratori alimentari sono conformi agli standard europei e non contengono additivi controversi o prodotti di origine animale.

Inoltre, questo integratore alimentare prodotto dal laboratorio Inolab offre la vitamina K2 nella forma MK7, perché è ottenuta da estratti vegetali. Si tratta di una forma più interessante perché è di origine vegetale (a differenza dell’MK4, che viene sintetizzato dal corpo animale o chimicamente). Inoltre, ha una durata di conservazione più lunga e può raggiungere in tempo le ossa e i tessuti molli del corpo. Questo è anche il motivo per cui è più disponibile dell’MK4 [12].

Ci sono altri motivi per integrare. Per esempio, il fatto che la popolazione viva più a lungo significa che dobbiamo sostenere un corpo sempre più stanco e meno efficiente. Più invecchiamo, più è difficile per il nostro corpo bilanciare il livello di calcio e di altri nutrienti e sintetizzare la vitamina D in modo naturale. 

Ci sono altri motivi per integrare. Per esempio, il fatto che la popolazione viva più a lungo significa che dobbiamo sostenere un corpo sempre più stanco e meno efficiente. Più invecchiamo, più è difficile per il nostro corpo bilanciare il livello di calcio e di altri nutrienti e sintetizzare la vitamina D in modo naturale. 

Ecco perché appare ovvio che l’integrazione ci permette di proteggerci da varie patologie senza mettere in pericolo l’organismo, poiché gli integratori alimentari sono dosati con precisione. Pertanto, la formula proposta dal laboratorio Inlab fornisce il 67% dell’apporto giornaliero raccomandato di vitamina K2. Questo tasso è quindi ben superiore al 30% non sintetizzato dall’intestino.  Garantisce inoltre una migliore concentrazione di vitamine rispetto a quelle che si possono ottenere con l’alimentazione.

L’integrazione contemporanea con le vitamine D3 e K2 è quindi consigliata, a condizione di scegliere un integratore alimentare di qualità e di continuare ad avere uno stile di vita sano e una dieta equilibrata. Scegliere la formulazione proposta dal laboratorio Inolab le garantisce un prodotto rilevante, di qualità superiore e rispettoso della sua salute!

famille

Leggi altri articoli

OMEGA 3

Omega 3: un grasso buono?

Lo stress è una parola grossa, in cui combiniamo diversi concetti senza comprenderne realmente i lati positivi e negativi. Per comprendere meglio le situazioni di esaurimento legate al sovraccarico mentale e/o fisico, è importante distinguere tra i diversi tipi di stress per capire il valore delle piante adattogene.

Per saperne di più »
famille

5 MOTIVI PER INTEGRARE LE VITAMINE D3 E K2

Lo stress è una parola grossa, in cui combiniamo diversi concetti senza comprenderne realmente i lati positivi e negativi. Per comprendere meglio le situazioni di esaurimento legate al sovraccarico mentale e/o fisico, è importante distinguere tra i diversi tipi di stress per capire il valore delle piante adattogene.

Per saperne di più »
magnesio

Magnesio: 5 buoni motivi per integrarlo

Il magnesio è un minerale la cui importanza è sicuramente sottovalutata, dato che è assolutamente essenziale in oltre 300 reazioni biochimiche. Svolge un ruolo nella produzione di ATP (adenosina trifosfato, una molecola coinvolta nel meccanismo di produzione di energia). È un garante dell’omeostasi (l’equilibrio del corpo).

Per saperne di più »

Fonti


Sources :
https://www.anses.fr/fr/content/vitamine-d-pourquoi-et-comment-assurer-un-apport-suffisant
https://www.santescience.fr/vitamine-k2/
https://www.julienvenesson.fr/toutes-les-formes-de-vitamine-k-ne-sont-pas-bonnes-pour-le-coeur/
Thèse du Docteur Héloïse Jeanne Grenier : Compléments alimentaires à base de vitamine K2: rôle dans le maintien du capital osseux et la prévention des calcifications vasculaires
Guide des vitamines et des minéraux pour une bonne santé, Sélection du Reader’s Digest

[1] Société Française de Médecine et de Physiologie de la Longévité https://www.sfmpl.fr/vitamine-d-et-immunit%C3%A9
[2] The role of menaquinones (vitamin K2) in human health. Bristish journal of nutrition 2013; Beulens J.W.J., Booth S.L. et coll.
[3] https://www.jstage.jst.go.jp/article/jnsv/61/6/61_471/_article
[4] https://www.julienvenesson.fr/vitamine-k2-mk7/
[5] L’impact de la vitamine K2 (ménaquionones) sur la santé et les maladies des enfants https://www.mdpi.com/2227-9067/9/1/78
[6] The American Journal of Clinical Nutrition : Etude sur l’Apport en vitamine K et densité minérale osseuse chez les femmes et les hommes
https://academic.oup.com/ajcn/article/77/2/512/4689716
[7] https://www.lamedecinedusport.com/nutrition/correction-des-deficits-en-vitamine-chez-les-sportifs-une-obligation-pour-optimiser-leur-condition-physique/
[8] Consommation orale de vitamine K2 pendant 8 semaines, associé à une augmentation du débit cardiaque maximal au cours de l’exercice. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28646812/
[9] Effects of MK-7 Supplementation on Glycemic Status https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7326202/
https://diabetesjournals.org/care/article/33/8/1699/39146/Dietary-Phylloquinone-and-Menaquinones-Intakes-and
[10] Vitamin K-induced effects on body fat and weight: results from a 3-year vitamin K2 intervention study https://www.nature.com/articles/ejcn2017146
[11] https://diabetesjournals.org/care/article/34/9/e147/38664/Vitamin-K2-Supplementation-Improves-Insulin
[12] Comparison of menaquinone-4 and menaquinone-7 bioavaibility in healthy women. Nutrition Journal. 2012. Sato T., Schurgers L., et al.
[13] https://www.lanutrition.fr/les-news/les-supplements-de-vitamines-d-et-k-bons-pour-les-arteres
[14] https://www.santescience.fr/vitamine-d3
Vitamins D, C, and E in the prevention of type 2 diabetes mellitus: modulation of inflammation and oxidative stress https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3044790/